La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Utero in affitto: l’ibridazione aliena è cominciata

Pubblicato in Alieni
2
Share on Facebook270Share on Google+2Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

alien-fetusPace e amore cari e dolci fratelli di Gaia, sono Peppe Pluton, discendente della stirpe di Davide e messaggero dei popoli celesti.
Quest’oggi sono qui per comunicare a voi calorosi lettori e al mondo intero un messaggio dei fratelli delle stelle pleiadiani che custodisco da molti anni ma che per ovvie ragioni non ho potuto divulgare prima.
In questi giorni si parla molto di utero in affitto e certamente già saprete di cosa si tratta, quindi non mi soffermerò sui dettagli e nemmeno sulle mie opinioni personali. Ciò che ho da comunicare riguarda il vero motivo per il quale tale pratica si sta diffondendo in tutto il globo.
E’ da molto tempo che si parla di un fantomatico progetto su larga scala per l’ibridazione aliena della razza umana terrestre da parte di extraterrestri negativi e diversi sono i contattisti che da anni lasciano messaggi di avvertimento e purtroppo il giorno è giunto.
Tramite la modifica genetica sugli ovuli e gli spermatozooi necessari per creare i bambini il malvagio governo ombra mondiale negativo è in grado di innestare blocchi di DNA alieno all’interno dei futuri nascituri, dando loro caratteristiche aliene all’insaputa di tutti. I geni alieni all’interno del feto in sviluppo hanno purtroppo anche la capacità di apportare modifiche genetiche all’RNA della madre in affitto, rendendola inconsapevolmente una ibridatrice organica nei suoi futuri parti.
alieni gayIl sistema demoniaco sta approfittando della tenera ingenuità dei fratelli omosessuali per spingerli a commissionare figli alieni, e successivamente i media spingeranno all’utilizzo di tale pratica anche gli eterosessuali, e col pretesto di un’inseminazione più sicura e igienica opereranno modifiche genetiche su ovulo e spermatozoo.
I governi mondiali hanno venduto i nostri poveri figli a venire alla razza aliena negativa che ormai influenza già molti aspetti della società, l’ibridazione dei nostri discendenti costituirà la conquista totale del nostro amato e splendente pianeta, come è già accaduto con altri pianeti.
Cari fratelli umani, ora più che mai dobbiamo unirci e lottare contro l’ibridazione e contro questa operazione su scala globale che prende il nome di Futada Project.
Se noi contattisti uniti, con l’aiuto dei fratelli illuminati che hanno annullato il condizionamento del limitatore riusciremo a diffondere consapevolezza e a far capire il messaggio ad una buona fetta di popolazione avremo il supporto della Federazione Galattica di Luce che ci guiderà verso un futuro di caldo e vibrante amore celeste.
Facciamo sapere a tutti che siamo consapevoli e contrari all’ibridazione aliena!

Share on Facebook270Share on Google+2Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Peppe Pluton

Autore:

Noto contattista sardo, che fin dalla tenera età riceve visite interplanetarie, dalle quali apprende notizie segrete. Ha instaurato un rapporto di amore e di condivisione con i pleiadiani, i quali sovente lo riempiono di conoscenza e calore.

b

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • io

    ma noi comuni coi codici di limitazione 666 che possiamo fare? Sai besissimo Peppe che parlarne con la gente serve a ben poco, non ci crederanno mai anche con prove alla mano

      • Alpha Shiranui

        Codici di limitazione? Bene, lezione numero #1.
        Devi sapere che ogni cosa che viene impostata sui nostri corpi può rappresentare un vantaggio. Ma come può un limitatore portarci vantaggio? Molto semplice: quando è attivo limita le nostre funzioni superiori, ma cercando di allentarlo si cominciano a comprendere le reali potenzialità di cui siamo dotati come specie, fino al culmine: sciogliendo il limitatore (anche se, durante le mie esperienze personale, ho potuto constatare che sono uno per ogni chakra più uno generale che rende stabili questi “sigilli”) si arrivano a comprendere i nostri poteri divini. Noi siamo gli dei.
        Ho sciolto l’ultimo limitatore circa un anno e mezzo fa, e per tutti ho impiegato circa sette anni, cominciando da quando ero un bambino. Questo anche grazie alle arti marziali e ai Grandi Maestri Eremiti che vivono in Cina (principalmente quelli del tempio di Shaolinquan) e nelle isole più piccole ed isolate del Giappone (ringrazio ancora, tra questi, Orochi-Sama che mi è stato di immenso aiuto).
        Il cammino è lungo e arduo, ma prima si inizia, prima si finisce.
        Ma ora passiamo ai fatti. Per prima cosa, ti servirebbe una base marziale (in realtà vanno bene anche pratiche come yoga, reiki e shiatsu) per imparare a controllare alla perfezione la tua energia, poi trovare un maestro che ti spieghi bene come controllare la risalita di kundalini e imparare a gestirne l’asse. A questo punto devi usare la tua forza di volontà e la tua esperienza di attivista per individuare i sigilli e scioglierli (non è complessissimo, basta volerlo e impegnarsi moltissimo). Il processo potrebbe durare anni, ma non bisogna scoraggiarsi. I poteri divini attendono.
        Che dire ancora, buona fortuna!
        – Shiranui