La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Tsipras vuole una Grecia senza scie chimiche

Pubblicato in Controllo delle masse / Politica / Scie chimiche
5
Share on Facebook1kShare on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

scie chimiche grecia

Sciogliere il patto scellerato con la NATO e liberare i cieli ateniesi dalle scie chimiche: questo il vero punto cardine della politica di Alexis Tsipras. Ma non lo troverete da nessuna parte: i media italiani ve lo censurano, e lui non lo ha mai detto pubblicamente, sicuramente per non mettere a repentaglio la sua stessa vita. Però…

Però lo si può facilmente dedurre. In primis, il popolo greco si sta risvegliando in massa, con il 33,3% dei greci ormai convinti dell’esistenza del problema delle scie chimiche: se è vero che la crisi porta le persone ad ingegnarsi, è anche vero che le porta ad alzare gli occhi al cielo (anziché abbassati sulle tastiere dei PC negli uffici) e a capire quale sia il problema più urgente da risolvere. La foto postata ad inizio articolo ne è un esempio: giovani ateniesi sfidano un cielo irrorato da materiali pesanti, che in un paio d’ore diverrà plumbeo, i quali a costo di sacrificare la propria salute escono sulle strade della capitale greca e fanno vera informazione. Eroi.

Di questo 33,3%, un buon 19,2% dichiarava che avrebbe votato Syriza. Questi sono dati risalenti al 2013, purtroppo non abbiamo a disposizione ricerche più recenti ma siamo convinti che la percentuale sia aumentata. In Grecia il giorno della vittoria di Tsipras, infatti, c’ero anch’io: ben conscio di cosa sarebbe successo alle elezioni, sono andato ad intervistare alcuni attivisti. Su 100 persone con cui ho parlato che hanno votato Syriza, forse 2 o 3 non erano consapevoli del problema delle scie chimiche. Ora non più, perché ho fatto loro corretta informazione.

anti_chemtrails_greekProseguendo con la nostra analisi deduttiva, Tsipras per avere la maggioranza assoluta ha scelto come alleato Greci Indipendenti, formazione di destra. Ma come, Tsipras non era di sinistra? Come mai questa coalizione in cui i due partiti sono divisi quasi su tutto? Non era meglio coalizzarsi invece con il partito comunista, o con una fazione più centrista? I media italiani vi racconteranno le solite balle: la realtà è che Greci Indipendenti è stato l’unico partito a portare il problema delle scie chimiche nel Parlamento greco nel febbraio 2013 grazie al suo leader Panos Kammenos. La risposta all’interrogazione parlamentare è stata naturalmente il solito concentrato di condensa fumosa, risposta fornita dai militari che ovviamente non fa altro che dimostrare che la tesi delle scie chimiche clandestine non può che essere realtà, essendo tanto osteggiata dall’esercito. E chi è il nuovo Ministro della Difesa del governo Tsipras? Esatto, proprio Panos Kammenos, ed è unico incarico affidato a Greci Indipendenti nell’esecutivo! Quest’alleanza è quindi la prova inconfutabile di dove Tsipras vuole veramente andare a parare.

Infine l’orientamento politico di Syriza: sinistra radicale. Vi ricorda nulla? Esatto, la Russia di Putin, la nazione che più di ogni altra al mondo si batte contro lo strapotere americano e la volontà di Obama di ammorbarci di nanoparticolato. È chiaro che Tsipras strizza l’occhio verso le sue idee, come se volesse fornire al buon Vladimir la porta per far entrare la libertà anche all’interno dell’Unione Europea. Avete veramente creduto alla bufala che la troika si preoccupasse solo per l’Euro? Esatto, ci sono tutta una serie di motivi, tra cui la paura che Tsipras decida di svelare tutta la verità su scie chimiche e geoingegneria clandestina. Stiamo dunque all’erta e seguiamo gli sviluppi: a breve ne vedremo sicuramente delle belle dalla terra ellenica!

 

PS ultimamente sulla nostra pagina facebook e qui sul sito sta arrivando della gente poco raccomandabile che mette in dubbio le nostre ricerche. Sicuramente troll pagati da non si sa bene chi (anche se lo sappiamo tutti, da chi) per venire qua a screditare le nostre ricerche. Queste persone meriterebbero solo di essere ignorate, ma daremo loro un’unica risposta. Su facebook è già stata data. In questo articolo lascio il link con i dati fornitici dalle nostre fonti, a dimostrazione della nostra serietà e onestà. Detto questo, cari troll, non vi sarà più data attenzione.

Share on Facebook1kShare on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Wotan

Autore:

Nato da padre italiano e madre tedesca, Wotan inizia la sua attività da ricercatore indipendente a 23 anni, shoccato dalla vista delle prime chemtrail. Attualmente residente in terra teutonica, è traduttore professionista di testi divulgativi, nonché socio fondatore della Gesellschaft für das Erwachen der Bevölkerung (GEB).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Christian

    Tsipras che opera contro le chemtrails in Grecia? Rompere il patto scellerato con la Nato? Ma chiiiiiiiiiiiiiiiiiiii?????????? Quel traditore lercio di Tsipras? Ad ora, 29 Agosto 2015, se doveste rileggere questo articolo, cosa provereste? OCCHIO, prima di dare credito ad un qualsiasi soggetto, troppo presto per poter veramente valutare l’operato di una persona. Tsipras, venne eletto “a furor di popolo” con il mandato di porre fine alle politiche criminali di austerità (cioè POVERTA’) imposte da una commissione europea completamente sotto controllo del quarto reich, in un modo o nell’altro; Dopo mesi di estenuanti e ridicole tarantelle con la cosidetta Troika, se ne esce e indice un referendum popolare da attuare da li ad una settimana, spingendo egli stesso per il NO. Risultato: una grande maggioranza ha (come al solito inutilmente) votato NO. Subito dopo fa retromarcia, vola a Bruxelles, si abbassa le mutande lercie, e felicemente fà si che Shaeuble e Draghi lo fottano allegramente, prima lui e subito dopo tutto il popolo greco, e le speranze degli altri paesi nell’euro del sud Europa. A pochissimi giorni dall’inculata pazzesca subita… ehm no, cioè scusate, volevo dire dopo “l’accordo” sottoscritto, si presenta in TV e come se niente fosse annuncia le sue dimissioni… tanti saluti. E questo personaggino da festa dell’unità, avrebbe secondo voi, messo la parola fine, per ciò che riguarda la Grecia al programma globale di irrorazioni clandestine??? Suvvia, siamo seri…

      • Wotan

        Wotan

        Attenzione prima di giudicare dalle apparenze! I poteri forti si sono mossi contro Tsipras non appena è stato eletto. Abbiamo le prove di una manipolazione clandestina attuata contro il governo greco degna dell’11 settembre, ma più subdola. Stiamo per preparare l’articolo.

      • ines

        cerco gruppi in Piemonte o zona Torino Cuneo per orgoniti da creare e piazzare sul territorio, e se possiamo lo facciamo diventare un lavoro

        • max

          Le scie chimiche sono molte applicazioni militari, la più insidiosa è sicuramente la presenza di nano polveri autoassemblanti che passano il nostro organismo arrivando al cervello attratte dallo stesso essendo il cervello un generatore di impulsi elettrici, un po come la polvere che viene attratta dai circuiti elettrici, in questo caso però lo scopo è di rendere il cervello esposto ai segnali di bassa frequenza che lo rendono manipolabile e alterabile.

            • max

              Aggiungo che tale procedimento è molto simile alla conduzione ossea dei segnali, il concetto è lo stesso, si tratta di inviare dei segnali al cervello senza passare dall’udito, se i segnali sono di una certa frequenza si può facilmente manipolare altrimenti con lunga esposizione di segnali si porta il cervello allo stato di stress che renderebbe difficile andare al voto elettorale in quanto sarebbe visto come ulteriore aggravio depressivo.