La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Scoperta relazione tra calvizie e scie chimiche

Pubblicato in Contaminazione / Scie chimiche
1
Share on Facebook836Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

calvizie da scie chimiche L’alopecia androgenetica, detta volgarmente calvizie, è uno dei problemi col quale molti uomini devono fare i conti. Le cause di tale patologia sono molteplici, e vanno da un fattore genetico/ereditario alla cattiva alimentazione e all’esposizione di agenti esterni che causano la morte del follicolo pilifero.
La calvizie è una condizione che accompagna l’uomo dall’alba dei tempi, per alcuni popoli è addirittura segno di saggezza, ciò che ci ha portato a fare ricerche non è dunque la patologia in sé, bensì l’allarmante aumento di tale in relazione a un fenomeno da noi ben noto: le scie chimiche.
Le scie chimiche sono ormai una realtà indiscutibile ed ogni giorno si fanno sempre più aggressive e si arricchiscono di nuovi elementi chimici, sparsi direttamente sulle nostre teste.
Molti studiosi, anche su territorio nazionale, ci fanno presente che nelle irrorazioni venefiche quotidiane possiamo ritrovare ogni sorda di elemento chimico, come basalto, selenio e uranio (ma ormai contengono l’intera tavola periodica degli elementi), non a caso i 3 elementi imputati della calvizie.
Donald McBold, studioso indipendente scozzese del fenomeno scie chimiche ha condotto nel 2013 una accurata indagine scientifica per dimostrare che la caduta di capelli è causata o quantomeno accelerata da elementi dispersi nell’aria dai tanker.
La cosa che tocca tutti noi è la scelta di Donald di effettuare le sue analisi sul territorio italiano, che stando a recenti statistiche è il paese col traffico aereo più fitto d’europa, inoltre, spinto dalle segnalazioni ha deciso di usare come base di ricerca la città di Sanremo, tristemente nota come città che da anni non vede più il sole.
Raccogliendo campioni di capelli su tutto il suolo Sanremese, e sottoponendoli poi a mineralogramma sono emersi dati curiosi e allarmanti.

mineralogramma scie chimiche

Risultati del mineralogramma

Come è possibile notare dall’immagine sovrastante sono presenti livelli straordinariamente elevati di basalto, selenio e uranio, oltre al sempreverde alluminio.
Paragonando le analisi di Sanremo con altre effettuate in Scozia, Inghilterra e Francia, McBold ha da subito evidenziato uno sproporzionato livello di agenti chimici causa della caduta dei capelli.
Lo studioso ha chiarito subito di non riuscire a spiegare perché i livelli di basalto, selenio e uranio siano così alti della cittadina ligure rispetto ad altre città italiane e estere, ove comunque si registrano tassi fuori dalla norma.
Donald aggiunge alle sue analisi di laboratorio anche un personale censimento dei calvi, effettuato tramite l’osservazione della popolazione nelle principali piazze, confermando incontrovertibilmente che l’aumento di agenti chimici corrisponde in maniera proporzionata ad un aumento di pelati.

Purtroppo gli studi di McBold, e di altri ricercatori indipendenti, benché in grado di dimostrare la relazione tra scie chimiche e calvizie, non sono in grado di spiegarne la motivazione, e noi non possiamo fare altro che suggerire delle ipotesi.
Una subdola mossa per ingrassare le tasche di Bigpharma tramite prodotti e trattamenti contro la caduta dei capelli? Una strategia militare atta a instillare insicurezza nell’uomo rendendolo docile come un agnellino? Oppure si tratta semplicemente di un effetto collaterale di sostanze utilizzate per scopi differenti come la geoingegneria, il controllo mentale e la modifica del DNA?
Al momento abbiamo solo ulteriori domande, ma ciò ci spinge a lottare e a ricercare la verità con vigore sempre crescente, affinché tutti aprano gli occhi.

Share on Facebook836Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Melvin Frohike

Autore:

Italiano trapiantato in America da molti anni si impegna per portare la verità a galla senza temere le conseguenze. Membro attivo della Nevada Chemtrail Reports e del Mutual UFO Network (MUFON) porta avanti indagini personali e i suoi articoli hanno spesso guadagnato una pagina nelle riviste specializzate in Ohio.

bc

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Mayo il fioraio gayo

    Ecco perche’ Straker (puppa) e’ cosi’ incacchiato contro le scii kimike, lo hanno reso pelato!