La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Progetto Pioggia: combattere la siccità con gli ionizzatori degli asciugacapelli

Pubblicato in Geoingegneria / Scie chimiche
1
Share on Facebook246Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest2Email this to someone

Tutta Italia, come accade ogni estate, è vittima di una siccità indotta mediante aerosol chimici, atta a danneggiare il settore agrario, favoreggiando colture OGM. L’ennesimo attentato a danno del genere umano dal quale molti non sanno come difendersi, a causa della disinformazione mediatica che insabbia o ridicolizza ogni genere di ricerca scientifica indipendente.
Noi del Comitato Chiave Orgonica abbiamo deciso di aderire ad un progetto su scala mondiale denominato “Project Rain” o Progetto Pioggia spiegandovi come è possibile ripristinare la pioggia che ci è stata rubata.
Ma prima di arrivare al succo dell’articolo è bene approfondire un minimo la correlazione tra ioni e pioggia.

Gli Emirati Arabi Uniti, noti per il clima decisamente secco, per combattere la siccità naturale, nei primi anni 2000 hanno deciso di investire ingenti somme in un progetto che permettesse di far piovere sui loro aridi deserti.
Grazie alle ricerche degli ingegneri svizzeri della “Meteo systems” è stato possibile raggiungere l’obiettivo, generare pioggia nel deserto.
Adoperando grandi parasole metallici di circa 10 metri d’altezza, è stato possibile caricare l’aria elettricamente con una carica a ioni negativi. Tali ioni hanno la capacità di unire le particelle di pioggia ai nuclei di condensazione, aumentando l’umidità presente nell’atmosfera a tal punto da indurre precipitazioni, anche copiose.

Basandosi sulle ricerche del team svizzero e del genio Pierluigi Ighina la ricercatrice e meteorologa statunitense Rosy S. Puppa ha scoperto che è possibile indurre precipitazioni con un quantitativo molto inferiore di ioni negativi nelle regioni miti e temperate rispetto agli stati arabi. Ciò è possibile grazie alla presenza di umidità naturale nell’aria. In sostanza maggiore è il tasso di umidità nell’atmosfera e meno ioni negativi sono necessari a generare pioggia.
La studiosa ha successivamente testato con successo l’induzione della pioggia tramite una serie di asciugacapelli con generatore di ioni puntati verso il cielo.

Da tale scoperta ha deciso di lanciare un’iniziativa su scala globale per contrastare le siccità indotte dalle malvage scie chimiche estive: il Progetto Pioggia.
Aderire è molto semplice, ci spiega Rosy, basta munirsi di un asciugacapelli ionizzante e puntarlo, ovviamente acceso, verso il cielo per circa 45 minuti. È stata riscontrata un’efficacia maggiore se l’emissione viene effettuata nelle prime ore del mattino o di sera, quando il tasso di umidità atmosferica è maggiore.
Stando alle statistiche è sufficiente un solo condominio munito di asciugacapelli ionizzanti a generare nuvole e una lieve pioggia, ma molto dipende dal tasso di umidità già presente: potrebbe volerci anche meno nelle regioni molto umide.

Il nostro consiglio è condividere l’iniziativa e di organizzare gruppi di zona per massimizzare l’efficacia della ionizzazione. Aderire non è solo un modo per contrastare l’opera dannosa ai nostri danni ma anche una dura risposta a chi ci vuole morti. Siamo tanti e siamo svegli, non sarà facile per loro dominarci.

Share on Facebook246Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest2Email this to someone
Melvin Frohike

Autore:

Italiano trapiantato in America da molti anni si impegna per portare la verità a galla senza temere le conseguenze. Membro attivo della Nevada Chemtrail Reports e del Mutual UFO Network (MUFON) porta avanti indagini personali e i suoi articoli hanno spesso guadagnato una pagina nelle riviste specializzate in Ohio.

bc

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Centro ricerche######

    news.
    Rai COREA NORD: SVILUPPATA
    ARMA NUCLEARE AVANZATA

    La Corea del Nord ha messo a punto con
    “successo” un’arma nucleare “pi�¹ avan-
    zata”: una testata a idrogeno in grado
    di essere montata sul nuovo missile in-
    tercontinentale e che pu�² esplodere ad
    altezza elevata.L’annuncio dell’agenzia
    di stato nordcoreana giunge pochi gior-
    ni dopo il lancio di un missile che ha
    sorvolato il Giappone.

    E: la Corea del Nord pu�² produrre quan-
    te armi nucleari vuole, ha detto Kim,
    che ha ispezionato la nuova testata
    nucleare.
    Rai NORDCOREA:SISMA 6.3,
    FORSE TEST NUCLEARE

    E’ stata rivista a 6.3 (al rialzo, da
    5.2) la magnitudo del terremoto regi-
    strato alle 12 ora locale (le 5:30 in
    Italia) nel nordest della Corea del
    Nord, in quella che viene definita
    dall’agenzia sismologia statunitense
    Usgs una “possibile esplosione nucleare
    sotterranea”, forse di una bomba H.

    Il sisma ha avuto epicentro a circa 24
    km a est-nordest di Sungjibaegam, dove
    si trova il sito di Punggye-ri usato
    dal regime per i test nucleari. I mili-
    tari della Corea del Sud hanno confer-
    mato la natura artificiale del sisma.
    Successivamente, nella stessa area, �¨
    stata registrata un’altra scossa sismi-
    ca di magnitudo 4.6.

    nota- continueranno a tirare la corda finche’
    non si spezza! Se si va verso un conflitto
    atomico generalizzato, c’e’ solo da sperare
    nell’intervento alieno! Diversamente, saremo finiti!

    ——————————————————————————-
    03/09/2017 – Sarebbe stato un nuovo test nucleare a scatenare il terremoto di magnitudo 6.3 registrato dalla rete sismica mondiale.
    Le conferme arrivano anche dalle agenzie di stampa nordcoreane.L’evento e’ avvenuto alle ore 03:30 UTC ad 82 km SO da Ch’ŏngjin Corea del nord ad appena 1 km di profondita’.Secondo le ultime notizie il regime avrebbe fatto esplodere una bomba H all’idrogeno 5 volte piu’ potente di quella sganciata dagli americani a Nagasaki. fonte terrarealtime