La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Matrimonio cristiano celebrato senza scie chimiche

Pubblicato in Geoingegneria / Guide / Religione / Scie chimiche
2
Share on Facebook81Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

sposi cielo gesu

Pace e amore a Voi, Fratelli e Sorelle di Cristo, sono Padre Rosario, e oggi mi rivolgo a tutte le coppie che desiderano ricevere il Sacramento del matrimonio. Ahimè, sempre più giovani mi esprimono preoccupazioni su questo giorno tanto importante per la loro unione cristiana, temendo che una giornata di pioggia possa danneggiare la cerimonia. Se il detto “matrimonio bagnato matrimonio fortunato” poteva avere senso un tempo, oggi che l’anima di Satana si è impossessata di piloti d’aereo che hanno trasformato le normali piogge in “piogge chimiche” molti fedeli sperano in cuor loro che almeno nel giorno in cui il Signore celebrerà la loro unione non vengano sparsi veleni nell’aria.

anelli matrimonio croceI più preoccupati e informati (sempre di più!) mi chiedono durante il corso prematrimoniale se è possibile lasciare fuori dalla chiesa delle bottiglie di aceto di mele nel tentativo di avere cieli puliti. Nel segreto del confessionale accolgo persone che si aprono a me, chiedendosi se sia giusto per un cristiano provare odio per i peccatori di genocidio, o se è ammesso dalla Chiesa cattolica l’uso di amuleti (come orgoniti e suoi derivati) per avere cieli blu quando si volge lo sguardo verso l’alto per pregare. La mia risposta è che la Bibbia non parla esplicitamente di geoingegneria clandestina, come già citato in questa intervista, ma è evidente che i cieli oscuri e le bianche scie non piacciono a Nostro Signore. A titolo esemplificativo:

aveva fatto delle tenebre la sua stanza nascosta;
aveva posto intorno a sé, per suo padiglione, […]
le dense nubi dei cieli. (Salmi 18:11)

giorno di tenebre, di densa oscurità,
giorno di nubi e di fitta nebbia! (Gioele 2:2)

Si lascia dietro una scia di luce;
l’abisso pare coperto di bianca chioma. (Giobbe 41:24)

Quindi bene fa il devoto a combattere nel nome del Signore chi avvelena i cieli! Pregate insieme a me, fratelli cristiani, affinché il demonio si allontani dalle anime di coloro che per vile danaro spruzzano il bianco sulle teste dei figli di Dio! Come iniziare allora un’unione matrimoniale nel segno della purezza, anche dei cieli? Anche qui la Bibbia ci viene in aiuto:

Hai visto il ferro mescolato con la molle argilla, perché quelli si mescoleranno mediante matrimonio, ma non si uniranno l’uno all’altro, così come il ferro non si amalgama con l’argilla. (Daniele 2:43)

polvere argillaLa Sacra Parola è dunque chiarissima in proposito, e consiglia l’uso dell’argilla durante i matrimoni come materiale per respingere il ferro, simbolo dei metalli pesanti sparsi dagli aerei. In diverse celebrazioni ho concordato con le coppie di farsi cospargere il capo di argilla durante la cerimonia, sia come simbolica benedizione ma soprattutto come protezione pratica. Alcuni hanno deciso di coinvolgere anche gli invitati, chiedendo loro di lanciare all’uscita della chiesa della polvere di argilla al posto del classico riso, un consiglio semplice e benedetto dalla Parola di Dio.

Ricordate sempre che la Bibbia ha una risposta a ogni vostro dubbio! Lasciate dunque che mi congedi da Voi Fratelli e Sorelle citando un ultimo passo:

Alzate i vostri occhi al cielo (Isaia 51:6)

Share on Facebook81Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Padre Rosario

Autore:

Abbandonato in fasce in un convento di suore, Padre Rosario esercita oggi il sacerdozio in un piccolo paese di montagna nel molisano. Custode di segreti clericali che ha deciso di divulgare a rischio della scomunica, sta seguendo un percorso per diventare esorcista.

b

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • io

    per interpretrare la bibbia non basta esser laureato ma di larghe vedute o a scatola aperta come dico io,
    per accettare la verità insita nella bibbia deve maturare la coscienza che nei nostri cuori è ancora anestetizzata

      • Alpha Shiranui

        Hai ragione, la Bibbia come tutti i testi sacri necessità di un’analisi critica degli avvenimenti, non va sempre presa alla lettera. Altrimenti ora noi staremmo qui a girarci i pollici aspettando una bestia con sette teste e dieci corna su ogni testa che sale dal mare e marchia tutti con un 666 (numero simbolico, ovviamente) sulla fronte o sulla mano destra, senza pensare che quella bestia che sale dal mare è in realtà un capo politico che si vede su un aereo all’orizzonte sul mare, che in realtà ci sta già marchiando con codici a barre e chip.