La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

L’acqua parla, e sentenzia: le scie chimiche sono malvagie

Pubblicato in Salute e Benessere / Scie chimiche
0
Share on Facebook220Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

emoto
Il titolo è alquanto curioso, ma corretto al cento per cento: ci occupiamo in questo articolo di una branca della ricerca indipendente che vuole gli studi del dott. Masaru Emoto, prematuramente scomparso nell’ottobre scorso, applicati alla geoingegneria clandestina. Se i negazionisti vogliono le prove di quello che anche un bambino capirebbe da solo, noi gliele forniremo! Per chi non conoscesse l’esimio dottore giapponese, dovete sapere che l’opera principale del dott. Emoto è quella di aver compreso una delle proprietà dell’acqua che finora non era stata scoperta (o era stata tenuta nascosta): chiamata memoria dell’acqua o anche anima dell’acqua, egli osservò che i cristalli d’acqua, congelati e poi osservati al microscopio, assumevano forme diverse a seconda dell’ambiente, positivo o negativo, con cui venivano messi a contatto.

Non si parla solo di acqua prelevata in natura, ma anche di acqua in bottiglia che ascolta musica, parole, e perfino e soprattutto stati d’animo trasmessi. La struttura cristallina si mostra regolare e armoniosa quando viene influenzata e circondata dal bene, mentre si deteriora e assume forme irregolari e inquietanti quando influenzata dal male. L’acqua, il bene più prezioso ed indispensabile alla vita umana, si dimostra così indissolubilmente legato all’essere umano e al suo spirito. Il dottor Emoto ha messo a disposizione all’umanità tutta i frutti delle sue ricerche prima di spirare in circostanze misteriose.

In alto i cristalli associati al fiume Gange, alla canzone Imagine di John Lennon, alla parola verità; in basso i cristalli associati alla parola Diavolo, ad una canzone heavy metal, ad un’immagine di un cerchio nel grano

In alto i cristalli associati al fiume Gange, alla canzone Imagine di John Lennon, alla parola Verità; in basso i cristalli associati alla parola Diavolo, ad una canzone heavy metal, ad un’immagine di un cerchio nel grano

Dopo la tragica scomparsa del professore si sono subito formate associazioni dette “neoemotiane” che, partendo dai suoi studi, cercano di applicarli nelle situazioni più disparate, ottenendo spesso ottimi risultati e benefici. È stato ad esempio dimostrato che per ricordare un testo fino all’86% in più rispetto alle tecniche mnemoniche tradizionali è sufficiente leggerlo a voce alta tra due bottiglie d’acqua, metterle in freezer e berne successivamente il contenuto prima del discorso pubblico: esse avranno assorbito le vibrazioni acustiche e le avranno quindi memorizzate, permettendo poi grazie all’ingoio il travaso di conoscenza. Il metodo è ormai largamente usato: fate attenzione, la prossima volta che in TV vedete una conferenza: se appoggiata sul tavolo è presente anche una bottiglietta d’acqua è possibile che stiano usando questo modo per ricordarsi meglio le battute.

sanremo2015 acqua

Sanremo 2015

Passando alla mia indagine indipendente, ho recentemente visitato la città di Fortaleza in Brasile per cercare nuovi mercati lavorativi: sono venuto così in contatto con un gruppo locale di contrasto alla geoingegneria clandestina che ha condotto un semplice quanto importante esperimento che potete replicare anche voi a casa. I militanti, applicando le teorie del dott. Emoto, hanno prelevato e congelato a -27°C due campioni di acqua da una pozzanghera: il primo campione è stato prelevato sotto un cielo apparentemente sereno, il secondo sotto un cielo ricoperto da scie chimiche. Le foto, che mi hanno permesso di pubblicare per La Chiave Orgonica, ritraggono dei cristalli d’acqua di forma regolare e bellissima nel primo caso, mentre dei cristalli informi ed orribili nel secondo caso.

A sinistra: cristallo d’acqua prelevato in condizioni di cielo pulito; A destra: stessa fonte, prelevato con cielo chimico

A sinistra: cristallo d’acqua prelevato in condizioni di cielo pulito; A destra: stessa fonte, prelevato con cielo chimico

Secondo le interpretazioni del dott. Emoto e del gruppo di ricercatori indipendenti di Fortaleza l’acqua della pozzanghera ha quindi riconosciuto lo schifo e il putridume del cielo chimico, a differenza della bellezza di un cielo pre-chimico, e ha reagito di conseguenza, modificando la propria conformazione. Anche senza costosissime analisi chimiche effettuate da laboratori di dubbia onestà, ecco una prova schiacciante di come l’elemento vitale per eccellenza ripudi esso stesso per primo ciò che gli avvelenatori di regime stanno perpetrando sulle nostre teste in tutto il pianeta.

Non sembra il caso di aggiungere altro all’articolo, ognuno trarrà da solo le proprie facili conclusioni. Siamo sicuri che non sarà l’ultima volta che sentiremo parlare del dott. Emoto, delle sue indagini e delle sue incredibili scoperte: i ricercatori indipendenti gli saranno eternamente grati.

Share on Facebook220Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Wotan

Autore:

Nato da padre italiano e madre tedesca, Wotan inizia la sua attività da ricercatore indipendente a 23 anni, shoccato dalla vista delle prime chemtrail. Attualmente residente in terra teutonica, è traduttore professionista di testi divulgativi, nonché socio fondatore della Gesellschaft für das Erwachen der Bevölkerung (GEB).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.