La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

La scoperta dell’origine dei rettiliani – #1/3

Pubblicato in Alieni / Creature Misteriose
5
Share on Facebook122Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

Divinità

Prendo spunto da un felice scambio di commenti con alcuni affezionati miei lettori, per proporre una serie di grandissime scoperte storico-archeologiche targate “Mario Pitone”, cui sono giunto dopo anni di ricerche sul campo.

La dottrina moderna vuole che i Rettiliani siano una specie aliena dall’aspetto di rettile umanoide che giunse sul nostro pianeta in epoca remota. Vero è infatti che questi rettili bipedi di origine non meglio definita se non aliena lasciarono evidenti tracce nell’evoluzione della maggior parte delle civiltà terrestri.

Come dimenticare gli “Sheti” (uomini serpente) della mitologia precolombiana? E che dire del dio egizio “Sobek”, che aveva le testa di coccodrillo? Nella mitologia greca si incontrano “Titani” e “Giganti”, mentre in Cina i “Dragoni” altro non sono che veri e propri Rettiliani. Anche i “Naga”(serpenti antropomorfi) dell’antichità indiana rimandavano a rettili umanoidi, così come i “Kappa”(anfibi umanoidi) nipponici. E lo stesso vale per i “Jinn” mediorientali (sempre uomini serpente), fino a giungere all’iconografia biblica che vede addirittura il demonio assumere le sembianze di un afide.
In sostanza, sparse nelle pieghe del tempo, a un occhio attento ed esperto non possono sfuggire queste prove lampanti: i rettiliani sono alieni di lungo corso, che giunsero sul nostro pianeta con un chiaro, limpido intento: soggiogare la razza umana.
Ma quando realmente giunsero sul nostro pianeta? Le prove raccolte dalla maggior parte degli studiosi indicano che questi alieni visitarono il nostro pianeta in epoca arcaica, quando la razza umana era all’inizio del proprio percorso di sviluppo evolutivo. Ebbero quindi “gioco facile” nel soggiogare con mille stratagemmi gli ingenui umani del tempo: divinità crudeli, animali antropomorfi dotati di raziocinio, afidi viscidi e infidi, queste solo alcune delle sembianze che i maligni Rettiliani utilizzarono per incutere il timor panico negli umani.

Pur concordando pienamente con il flusso di teorie sopra esposte, rimanevano tuttavia aperte lancinanti domande che non mi permettevano di dormire sonni tranquilli.
Da dove vengono esattamente i Rettiliani?
E, soprattuto, si sono installati sul nostro pianeta “solo” qualche millennio fa, oppure avevano ben prima già visitato la Terra?

Nel prossimo articolo, cercherò di rispondere nel modo più esaustivo possibile a queste domande e arriverò a svelare all’umanità una delle più grandi scoperte dell’archeologia misterica aliena!

La scoperta dell’origine dei rettiliani – #2/3

La scoperta dell’origine dei rettiliani – #3/3

Share on Facebook122Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Mario Rick Deckard Pitone

Autore:

Noto soprattutto per le sue scorribande in aree del mondo segretissime, Mario si prefigge un solo scopo nella vita: scovare e combattere fino alla morte i rettiliani che, sotto mentite spoglie, infestano il nostro pianeta.

bc

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • sir Biss

    Sì scrive OFIDE. Gli AFIDI sono insetti, volgarmente detti pidocchi delle piante.

    • Mario

      Mario “Rick Deckard” Pitone

      Hai ragione Franco, la lotta contro i Rettiliani non conosce confini e regole: qui c’è in ballo la nostra sopravvivenza. E ancora hai ragione quando dici che molte personalità di spicco nel panorama politico-economico (e che la gente crede “umane”) siano in realtà Rettiliani mutaforma che, grazie al loro raggio deneurizzante, prendono sembianze umane e ci ingannano di giorno in giorno. Ma la nostra speranza non è vana, perché, fintantoché esisteranno al mondo persone come te e come me che si sono svegliate e hanno voglia di denunciare le losche trame rettiliane, ci sarà sempre una possibilità di salvezza! Non mollare!

        • Patrizia

          Buona sera, ma questi rettiliani sanno di esserlo ?

          • Mario

            Mario “Rick Deckard” Pitone

            Buonasera Patrizia, tutti i Rettiliani ai posti di comando di importanti strutture/istituzioni umane sanno benissimo di esserlo, tanto è vero che sono tutti in combutta per soggiogare noi umani.
            Talvolta però può succedere che degli umani veri vengano progressivamente rettilianizzati, grazie a un’azione combinata di raggi deneurizzanti e svariati altri strumenti: in questo caso può capitare che l’umano rimanga geneticamente umano, ma che il proprio cervello venga plagiato telepaticamente e ubbidisca senza saperlo agli impulsi della casta rettiliana.
            Esiste un ultimo stadio di rettilianizzazione: può capitare che alcuni Rettiliani bicaudali riescano con il loro morso a infettare le ferite della vittima umana tanto da trasformarla progressivamente in un vero e proprio rettiliano. Sono casi rarissimi, ma ne sono stato in passato testimone.

          • franco

            avevo letto qualcosa sulletà delloro se miricordo ,e della lotta tra agarti e iretiliani ,ma forse misbaglio ,a parte questo ,data la situazione globale e ,che tutto è in mano alla famiglia rotshchild , padroni ormai del mondo finanziario globali e capaci di qualsiasi nefandezza , mi viene da dire che nessun essereumano è cosi cattivo con isuoi siimili, per cui lequazione è rottschild = rettiliano .
            misbaglio ?