La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Il misterioso rientro di Samantha Cristoforetti e la sindrome aerotossica

Pubblicato in Contaminazione / Insabbiamento / Scie chimiche
9
Share on Facebook316Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

Giovedì 11 giugno 2015 alle ore 15:45 vi è stato il rientro a casa della tanto discussa Samantha Cristoforetti e dei suoi colleghi. L’atterraggio è avvenuto in Kazakistan, dove gli astronauti hanno subito ricevuto una particolare accoglienza, meglio definibile soccorso, perché infatti di questo si è trattato e ci sono voluti più di 20 minuti per rendere gli astronauti “presentabili”.
La tensione è stata alta ma i media della disinformazione esigevano un filmato di bentornato, e così è stato.
Osservando il video o le foto sull’accoglienza ricevuta si percepisce fin da subito sul volto di Samantha e compagni un’espressione di spossatezza, mal mascherata da sorrisi, e si nota quanto loro facciano fatica a muoversi, tant’è che sono saldamente ancorati a dei particolari supporti.
Successivamente la stampa di tutto il mondo, per attenuare i dubbi nati, inizia a diffondere nella popolazione l’idea che uno stato fisico simile sia normale dopo una permanenza nello spazio e che addirittura ci vorrà un periodo riabilitativo di circa 6 mesi, per ridare a Samantha e agli altri astronauti la piana salute.
A questo punto chi ha seguito gli astronauti nello spazio si chiederà a cosa siano serviti tutti quegli esercizi fisici nello spazio, se poi una volta a terra toccherà una lunga riabilitazione.

Samantha che fa esercizio fisico nello spazio
La storia dei sei mesi di riabilitazione non si era mai sentita prima, e negli anni sono molti gli astronauti ad essere andati in orbita, e in alcuni casi hanno tenuto addirittura conferenze subito dopo il loro rientro.
La risposta a tutti i quesiti è semplice: gli astronauti sono entrati a contatto con qualcosa durante la fase di ritorno che li ha debilitati a tal punto da dover seguire un lungo percorso clinico.
Si è forse trattato della famigerata sindrome aerotossica di cui sono stati vittime diversi piloti di aerei, venuti a contatto con le sostanze chimiche disperse da loro stessi nell’atmosfera?
A quanto pare i nostri astronauti godevano di ottima salute fino al momento della partenza dalla stazione spaziale, ma poi qualcosa nell’atmosfera li ha contaminati, forse a causa di un guasto al sistema di ventilazione della navetta.
Il fiato corto, la spossatezza e i dolori articolari sono sintomi inequivocabili dell’inalazione di sostanze quali bario, ammonio, tungsteno e bromuro.
A conferma di questa nostra tesi vi sono i benvenuti 2 minuti di ritardo sulla tabella di marcia che provano che c’è stato qualche tipo di contrattempo, magari il guasto al sistema di ventilazione.
Questa volta sembra proprio che le scie chimiche abbiano causato un piccolo problema inaspettato, la situazione è sfuggita un po’ di mano, ma siamo certi che grazie alle cure in possesso delle lobby gli astronauti riusciranno a riacquistare le loro facoltà fisiche.
Ovviamente il lungo percorso riabilitativo per disintossicare l’organismo di Samantha verrà pagato con i soldi delle nostre tasse, mentre gli italiani commossi e ignari seguiranno tutta la vicenda tramite il filtro dei media di regime.

Share on Facebook316Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Melvin Frohike

Autore:

Italiano trapiantato in America da molti anni si impegna per portare la verità a galla senza temere le conseguenze. Membro attivo della Nevada Chemtrail Reports e del Mutual UFO Network (MUFON) porta avanti indagini personali e i suoi articoli hanno spesso guadagnato una pagina nelle riviste specializzate in Ohio.

bc

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Fabiano

    Ho aperto l’articolo perchè mi interesso di chemtrails e quant’altro ma devo avvisarti che stai facendo disinformazione e non sei per nulla informato sull’argomento. Hai detto che non avevano mai parlato prima dei 6 mesi di riabilitazione… invece DA SEMPRE si sa che gli astronauti devono fare esercizio fisico nello spazio proprio perchè in assenza di gravità i muscoli si atrofizzano così in fretta che bastano pochi mesi per non essere più capaci a camminare sulla terra.
    Non è vero nulla di quello che hai detto mi dispiace

      • Melvin Frohike

        Melvin Frohike

        Tecnica puerile e antiquata quella di fingersi informati per poi confutare tutto.
        Sei un gatekeeper alle prime armi e ti sei fatto beccare al primo colpo, ma la prossima volta sono certo sarai più fortunato.

      • Trigomo

        Sei fantastico.Non pubblicherai il commento ma almeno sono sicuro che tu lo leggerai. Ma pagliaccio che non sei altro dopo mesi senza gravita’ come vuoi che si sentano al loro rientro? Ti segnalero’ agli organi competenti. Troppa disinformazione forzata!

          • Melvin Frohike

            Melvin Frohike

            E per cosa mi segnalerai? Per supposizione molesta? Guarda che fino a prova contraria c’è libertà di parola e qui si sta solo valutando un’ipotesi in base a fatti accaduti.
            SVEGLIAAAA!

            • Trigomo

              “…. sono sintomi inequivocabili dell’inalazione di sostanze quali bario, ammonio, tungsteno e bromuro.”
              Sintomi inequivocabili?????????? Ma pensi di star parlando con Amedeo che manda messaggi a Samantha attraverso il tuo blog? Svegliati tu, che non sai neppure cosa vuol dire inalare metalli pesanti come il bario. Ti ho detto che scrivere cazzate non ti aiutera’ ad “acchiappare” click, ma servira’ solo a farti perculare a dovere. Ma poi da dove e’ uscito fuori l’ammonio? Forse parli del Cloruro di Ammonio? https://it.wikipedia.org/wiki/Cloruro_d'ammonio

              Mi ferno non ne posso piu’, fai la cortesia a te stesso di interrompere questo scempio, e ricorda che sarai piu’ apprezzato con una corretta informazione.

              • Melvin Frohike

                Melvin Frohike

                L’unico che si sta perculando in questo momento sei tu.
                Ti invito ad approfondire gli argomenti trattati su questo sito, sono certo che cambierai la tua attuale prospettiva…
                E per la cronaca qui non guadagnamo un solo centesimo dai click.

                • Trigomo

                  Sul tuo BLOG non c’e’ niente da approfondire. Le tue notizie sono inventate da cima a fondo, proprio come l’aeroporto di Aulpi.
                  Non hai risposto alla mia domanda sul cloruro di Ammonio, devo attendere fiducioso una risposta o posso abbandonare, come gli altri, questa landa desolata dimenticata da Dio?
                  Dammi uno spunto su cui riflettere e lo faro’, perche’ onestamente non mi stai facendo piu’ ridere.

                  • Melvin Frohike

                    Melvin Frohike

                    Non ho nulla da aggiungere, mi spiace solo tu non riesca a capire la vera natura delle cose.
                    A questo punto ti invito ad abbandonare questa “landa”, perché se hai smesso di ridere non ci sono più motivi per restare.

                  • Amedeo

                    alldra samantha, com’é guardare da lassú?