La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

I fili delle banane distruggono il morgellons

Pubblicato in Guide / Morgellons / Salute e Benessere
1
Share on Facebook2kShare on Google+80Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

E’ una scoperta tutta italiana che ha dell’incredibile quella che oggi stiamo per illustrarvi.
Lo stimato Alberico Calogero, noto imbianchino calabrese, affetto ormai da 4 anni da morgellons, dopo innumerevoli test scientifici ha scoperto un metodo in grado di debellare il morbo del nuovo millennio.
La cura sta nelle banane, più precisamente nei fili presenti nell’interno della buccia ed attorno alla banana.
Questi filamenti sono altamente ricchi di potassio-40 che grazie alla naturale radioattività di questo frutto acquisiscono delle proprietà terapeutiche singolari.
E’ bene ricordare che gli antichi babilonesi utilizzavano le bucce di banana per curare antichi mali cutanei di origine sconosciuta. Non è il primo caso di un sapere antico che viene in nostro soccorso nell’era moderna.

Alberico ci descrive meticolosamente la procedura con la quale sviluppare il suo rivoluzionario rimedio. Prima di tutto bisogna raccogliere tutti i filamenti che si staccano facilmente dall’interno della buccia e dalla banana, una volta fatto ciò bisogna farli essiccare. L’essiccazione deve avvenire in maniera naturale al sole, stando ben attenti a esporre i fili solo se il cielo è pulito e privo di irrorazioni chimiche, che altrimenti ne inibirebbero i principi attivi.
Una volta essiccati bisogna ridurre i filini in polvere molto sottile.
Le modalità d’uso sono davvero molte, ed essendo un prodotto naturale lasciano anche spazio all’inventiva.
Il metodo principale che ci consiglia lo scopritore è di far sciogliere la polvere in una vasca da bagno piena di acqua a temperatura ambiente, nella quale poi immergersi per almeno 30 minuti.
Alberico ci tiene a precisare che non vanno aggiunti all’acqua saponi o altre sostanze chimiche. Le dosi possono variare in base all’intensità della malattia, in genere equivalgono ai fili essiccati di 8-12 banane.
Durante il bagno è possibile anche bere l’acqua nella quale si è immersi, traendo un doppio beneficio, sia esterno che interno.
E’ possibile utilizzare la polvere di fili di banana anche in tisane, oppure per farsi dei clisteri depurativi assieme alla camomilla. Insomma, largo alla fantasia e alla sperimentazione di questo miracoloso prodotto naturale.
Alberico oggi, a distanza di un anno dall’inizio della cura a base di babane è quasi guarito del tutto dal morgellons e ci fa sapere che non riuscirebbe ad immaginare la sua vita senza il frutto dell’amor.

Come sempre accade però, la scienza di regime ha rigettato in toto la scoperta di Alberico Calogero, e non senza annesse denigrazioni da medici vari. La mafia dei farmaci è forte e non vuole perdere neanche il più misero centesimo.

Share on Facebook2kShare on Google+80Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Prometeo

Autore:

Laurea da giornalista in tasca e esperienze in prima persona con esseri non identificabili hanno spinto Prometeo a incamminarsi sulla strada della verità. E' stato lo scopritore della serie di cunicoli sotterranei presenti sotto la piramide di Caiazzo e del mostro del Lago Patria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Marcelo Adriàn Garcìa

    Fermando le scie chimiche finiscono i morgellons!