La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Filtro anti messaggi subliminali: come realizzarlo in casa

Pubblicato in Guide / Messaggi subliminali
4
Share on Facebook521Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

filtro anti messaggi subliminaliUno dei tanti problemi che ci troviamo ad affrontare quotidianamente sono i terribili messaggi subliminali, oggi contenuti nel 90% dei programmi tv e delle pubblicità.
Molti hanno optato per l’esclusione della tv dalle proprie abitudini, anche se alcuni programmi potrebbero rivelarsi interessanti (per citarne uno Mistero) e quindi cosa fare?
Per rispondere a questa domanda e alle mille domande e incertezze che leggo quotidianamente in rete ho deciso qualche tempo fa di tuffarmi in un progetto un pò ambizioso ma fattibile, che affonda le sue radici negli studi di vari scienziati, tra cui anche il nostrano Ighina.
Prima di proseguire con gli aspetti tecnici della guida vi esporrò i principi su cui si basa, come è giusto che sia, dato che non si tratta di un magico artefatto ma di uno strumento tecnologico.
I messaggi subliminali non sono altri che immagini, parole o suoni ben nascosti e ripetuti continuamente in modo che il nostro cervello inconsciamente li assimili, per poi spingerci a fare cose o ad accettarne altre.
Il messaggio subliminale cerca di entrare nelle nostre menti per vie traverse, sfruttando falle dell’attenzione, il filtro ideato da me riempie queste falle distorcendo il messaggio e creando una distrazione subliminale nello spettatore. Grazie all’energia rotatoria positiva del sole il filtro è in grado di smontare a livello molecolare eventuali onde eletromagnetiche quadripolari emesse dal televisore per annebbiare la nostra mente, così da permetterci una fruizione, sana e senza influenze, dei programmi tv.
Il filtro è già stato oggetto di numerosi test su diversi utilizzatori e i risultati sono stati positivi quasi in tutti i casi.

Materiali

  • La base principale di cui avrete bisogno è un foglio di plastica trasparente delle dimensioni del vostro schermo televisivo, se non è molto grande potrebbe andar bene anche una tasca per fogli A4 facilmente reperibile in qualsiasi edicola o cartoleria.
  • Colori acrilici: Azzurro, giallo e verde.
  • Polvere d’alluminio (preferibile ma non essenziale).
  • Un pennello abbastanza sottile.
  • Un pezzo di carta vetrata triplo zero.

Realizzazione

Prendete il foglio trasparente (se il vostro televisore è più grande potete unire diversi fogli con del nastro adesivo trasparente) e passatelo tutto con la carta vetrata, in modo che la vernice aderisca bene. Va utilizzata una carta vetrata molto fitta, come quella per levigare i mobili, in modo da non lasciare graffi.

A questo punto viene la parte più complessa, che prevede di disegnare delle spirali dalle dimensioni molto simili e con un verso e colore ben specifici.
Se ne siete in possesso, mescolate della polvere di alluminio nei colori acrilici, senza esagerare però, altrimenti ne altererete troppo il colore.
Per semplificare la spiegazione eccovi lo schema realizzato in computergrafica.
filtro
Noterete senz’altro l’influenza ighiniana, proprio perché si basa quasi esclusivamente sui suoi studi e metodi.
Bisogna che sia tutto come nell’immagine, stando bene attenti ai colori e all’orientamento di tutte le spirali, tutto deve essere riprodotto come vi mostro, anche i colori dei collegamenti da una spirale all’altra.
Prima di realizzare le spirali vanno realizzati i collegamenti, altrimenti in caso contrario andrete ad interrompere i flussi magnetici rotativi solari e terrestri, e sono questi ultimi a captare l’attenzione dello spettatore riempiendo le falle d’attenzione tramite le quali i dannosi messaggi ci entrano nella testa.

Raccomandazioni e modalità d’uso

Il filtro, una volta finito e asciugato, va applicato sullo schermo del televisore mediante del semplice nastro adesivo, stando attenti a non far staccare le spirali.
Una volta applicato, questo strumento ha una autonomia di circa 12 ore di tv accesa, quindi quando la tv è spenta non si scarica.
Per ricaricarlo basta tenerlo al sole, lontano da qualsiasi elettrodomestico, per almeno 3 ore le prime 2 volte, in seguito basterà 1 ora a ricarica.

Considerazioni

Molti di voi saranno certamente scettici, ed è una cosa normale, lo sarei anche io se non avessi studiato, e per questo vi invito a sperimentare, sono certa che già dopo 3 o 4 giorni di utilizzo vi sentirete più spensierati e puliti dopo aver guardato la tv e non potrete più farne a meno.

Share on Facebook521Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

Autore:

Appassionata da tutto ciò che è misterioso e criptato fin da ragazzina quando scoprì l'esistenza dei messaggi subliminali nelle canzoni dei suoi amati Beatles. Ad oggi ha portato a termine diverse indagini smascherando i significati occulti nascosti dietro a semplici parole. E' anche naturopata e urinoterapeuta per passione da diversi anni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Desmondo

    Siate benedetti o voi della Chiave Orgonica!

    • Sballo

      Praticamente state dicendo che per fruire in maniera sana della pornografia basta osservare un donna nuda dal vetro appannato della doccia… E c’è gente che vi segue…

      • O M G

        Sono decisamente scettico. Non credo che un foglio di plastica riesca a proteggerci dai messaggi subliminali.

        • Stefano Ticoddini

          Io l’ho provato… All’inizio ero scettico, invece dopo soli 2 giorni mi sento già meglio.
          Peccato solo che ho speso 3.000€ per una TV HD 3D e con il filtro davanti non serve più