La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Ex pilota civile scopre chip sottocutaneo dopo operazione al cervello

Pubblicato in Controllo delle masse / Scie chimiche
3
Share on Facebook1.5kShare on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

chip al cervello russia Spesso la realtà supera di gran lunga la fantasia e ci fornisce inaspettatamente tasselli mancanti al puzzle del più grave crimine contro l’umanità.
La vicenda che stiamo per sviscerarvi con questo articolo in queste ore sta facendo il giro della rete mondiale tra i vari gruppi di informazione e ricerca indipendente ma allo stato attuale, come accade sempre più spesso, nessun media ufficiale ne ha parlato.
Ted Striker, ex pilota della American AirLines ora in congedo per via della sindrome del colon irritabile in data 21 gennaio 2016 si è sottoposto ad un complocato intervento al cervello per rimuovere una piccola ma preoccupane massa che si pensava fosse un cancro. L’operazione si è svolta in una clinica di Mosca, dove Ted vive da 4 anni con la moglie russa.
Ciò che è stato trovado sotto la calotta cranica dell’ex pilota ha lasciato sconvolti i medici russi che hanno dichiarato di non aver mai trovato nulla del genere in tutta la loro carriera.
Un chip poco più grande di un chicco di riso è stato estratto dal cervello, che per fortuna non ha subito alcun danno e le sue origini restano ignote.
Ted Striker ha successivamente dichiarato di non avere idea di quando quel chip sia stato impiantato ma ricorda molto vagamente una strana visita di routinne effettuata poco prima di iniziare il suo lavoro presso la American AirLines. Di tale evento ha sempre avuto un ricordo molto vago, come se gli fosse stato rimosso un pezzo dei suoi ricordi.
Attualmente pare che Ted abbia sporto denuncia contro ignoti ricevendo l’inaspettato sostegno delle autorità russe e noi ci auguriamo che il colpevole venga a galla, anche se un’idea ce l’abbiamo già.

Stando alle nostre ricerche e a quelle di diversi team di ricerca indipendente il chip scoperto nella testa dell’ex pilota altro non è che un RFID 4.0 atto ad inibire la ghiandola pineale dei portatori annullando la loro coscienza.
Con molta probabilità buona parte del personale aeroportuale, se non tutto, è provvisto di RFID, e ciò spiegherebbe perché tutte queste persone mantengono un rigoroso silenzio riguardo alla faccenda scie chimiche che danneggia anche loro e le rispettive famiglie.

Share on Facebook1.5kShare on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Melvin Frohike

Autore:

Italiano trapiantato in America da molti anni si impegna per portare la verità a galla senza temere le conseguenze. Membro attivo della Nevada Chemtrail Reports e del Mutual UFO Network (MUFON) porta avanti indagini personali e i suoi articoli hanno spesso guadagnato una pagina nelle riviste specializzate in Ohio.

bc

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Paolo5730

    Salve a tutti, mi chiamo Paolo, sono di Roma e attualmente, da circa 6 mesi, vivo a Londra. Dal 1991, addormentandomi e senza darmi alcune informazioni, mi hanno impiantato un microchip o più di uno. La cosa che mi ha spinto a commentare, è il fatto che sono un ex dipendente Alitalia. Quindi potrebbero essere loro i colpevoli , come nel caso di Ted con l’AirLines. Ho cominciato a sentire voci dentro di me e alcune riguardavano i gcolleghi di lavoro. Mi sentivo un pazzo. Per anni sono andato da psicologi e psichiatri. Poi , da solo, ho scoperto di avere microchip nel corpo, quando queste voci erano molto forti e mi sono chiuso contemporaneamente le orecchie. A questo punto ho sentito altre voci meno foti. Successivamente ho scopertto di avere i microchip. Sapete cosa sono i microchip o RFID, e cosa fanno queste persone, che sono noti come spie militari, pieni di soldi, per portare avanti un progetto , di cui noi siamo cavie umane e avente una sicura PENA DI MORTE !!!. Dopo aver detto tutto questo, la mia domanda è : ” Come posso trovare gli RFID impiantati nel corpo? Da quale chirurgo posso andare per estrarli? Ringraziando, cordiali saluti.

      • Wotan

        Wotan

        Grazie per l’importante testimonianza. A Londra consiglio di rivolgersi al professor Strabuzov, è un mio personale amico fidato, lo trovi sulle pagine gialle.

        • Annamaria

          Ti posso rispondere io.

          I microchip, sono sempre impiantati in ambienti militari su addotti dagli alieni.

          Poi li piazzano in posti chiave, dove tramite il microchip non solo controllano la persona,
          ma tutto nell’ ambiente di lavoro e vita che frequenta.

          I microchip possono essere deattivati…..In Italia abbiamo il Prof. Corrado Malanga che aiuta la gente
          che ha questi problemi, lo trovi in FB.

          Non rispondermi via mail.