La Chiave Orgonica

Alla scoperta delle verità nascoste

Bikeductions: rapimenti alieni di biciclette

Pubblicato in Alieni
2
Share on Facebook163Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone

Se fino ad ora pensavate che il binomio alieni-biciclette riguardasse solo il noto film E.T., preparatevi a rivalutare le vostre convinzioni.
Ciò di cui stiamo per parlarvi ha dell’assurdo ma è assolutamente reale ed è comprovato da diversi testimoni oculari.
Vi starete sicuramente chiedendo per quale assurdo motivo un essere extraterrestre debba rapire una bicicletta.
Innanzitutto è bene chiarire che non si tratta di veri e propri rapimenti, anche se il termine bikeductions derivi, appunto, dalla fusione di bike(bicicletta) e abduction(rapimento), in realtà si tratta di furto.
Tale fenomeno è molto diffuso negli Stati Uniti, dove purtroppo a causa del razzismo vengono incolpati i neri (una subdola mossa di debunking?). Da qui nasce la celebre frase “nigga stole my bike“, protagonista di innumerevoli vignette di black humor.
Arriviamo ora al nocciolo della questione, i motivi di tali furti, e per farlo ci accostiamo agli studi dell’ufologo Jonathan Livingstone, che ormai da 5 anni segue questi misteriosi furti.
Le testimonianze raccolte dicono chiaro e coincidono quasi tutte, parlando di biciclette che misteriosamente prendono il volo, guidate da indistinte sagome nere o grigie che dopo pochi secondi scompaiono nel nulla.
In qualche raro caso le biciclette rubate sono state ritrovate nei boschi, diversi giorni dopo la loro scomparsa.
Livingstone ha faticato molto a capirci qualcosa, ma è riuscito ad elaborare una teoria, che ad oggi risulta la più solida.
I furti avvengono per mano di una razza aliena conosciuta a noi come grigi (servi dei rettiliani n.d.a.) che spesso si aggirano tra noi indisturbati grazie alle loro capacità mimetiche. In alcuni rari casi, per via di guasti alle loro apparecchiature sono costretti a raggiungere le loro navette tramite mezzi “alternativi”.
Sfruttando i loro poteri telecinetici sono in grado di far levitare oggetti metallici (non la materia organica), e una bicicletta è lo strumento perfetto, in casi disperati, per spostarsi indisturbati.
Le analisi condotte sulle biciclette ritrovate hanno mostrato un alto livello di radiazioni gamma, soprattutto nella zona del sellino, che sistematicamente viene rimosso dal pilota al momento del furto.
In ambito ufologico la teoria di Livingstone ha riscosso pareri discordanti, alcuni trovano questa spiegazione poco concreta, altri invece la accolgono con entusiasmo.
Nel mondo contattista, invece, tale teoria è stata comprovata da diversi nomi importanti, tra cui anche il nostro collaboratore Peppe Pluton.
La domanda che ci sorge spontanea è se Spielberg si sia ispirato ad una sua esperienza di bikeduction per realizzare E.T., oppure se sia stato pagato per insabbiare la cosa.
Una risposta certa a tale quesito forse non l’avremo mai.

Share on Facebook163Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on Reddit0Pin on Pinterest0Email this to someone
Melvin Frohike

Autore:

Italiano trapiantato in America da molti anni si impegna per portare la verità a galla senza temere le conseguenze. Membro attivo della Nevada Chemtrail Reports e del Mutual UFO Network (MUFON) porta avanti indagini personali e i suoi articoli hanno spesso guadagnato una pagina nelle riviste specializzate in Ohio.

bc

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la soluzione * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

  • Fabio

    Melvin sei il mio autore preferito, ti scrivo dalla Germania e volevo chiederti se hai per caso fonti sul fenomeno delle Bikeductions in Germania. Qui ne circolano parecchie, quindi il fenomeno dovrebbe essere piu’ grande, o forse proprio perche’ qui governano i poteri forti siamo piu’ protetti, non lo so………

      • Melvin Frohike

        Melvin Frohike

        Il fenomeno è poco conosciuto e studiato, purtroppo non abbiamo dati relativi alla Germania. Nel nostro continente ci sono pochi ricercatori indipendenti validi.